logo su neronero

Facebook censura un nudo di Leonardo sulla nostra pagina

Facebook non è nuovo alle censure, ma questa volta il “tribunale d'inquisizione informatico” ha colpito nientemeno che il più grande genio dell'umanità, nell'anno delle celebrazioni a 500 anni dalla morte. La violenta e insensata mannaia della censura ha, infatti, decapitato la riproduzione dell'Angelo Incarnato, un'opera di Leonardo da Vinci pubblicata sulla pagina Facebook del progetto “L'Invisibile nell'arte” avviato dallo scrittore, ricercatore e storico dell'arte Silvano Vinceti che da anni si dedica alla scoperta di una serie di enigmi legati a Leonardo e la Gioconda. L'Angelo Incarnato, opera ritrovata in Toscana nel secolo scorso e di difficile datazione, è un disegno a carboncino che raffigura un adolescente ermafrodita dal sorriso beffardo e compiacente, con una capigliatura femminile e il membro maschile eretto. Il volto è quasi certamente quello di Gian Giacomo Caprotti, detto Salai, allievo e, forse, anche amante di Leonardo. "La censura operata da Facebook – afferma Silvano Vinceti, presidente del Comitato per la valorizzazione dei Beni Storici, Culturali e ambientali - è un fatto gravissimo che calpesta brutalmente e violentemente la piena libertà di espressione artistica e il diritto degli utenti di Facebook d'approfondire la conoscenza dei dipinti di Leonardo da Vinci”. Nella risposta di Facebook alla protesta per la censura si legge: “Ecco cosa impedisce la pubblicazione del tuo annuncio: non sono ammessi immagini con contenuticaratterizzati da posizionamenti sessualmente suggestivi o che mostrano molta nudità (anche se per motivi artistici o educativi) a causa della loro natura altamente sensibile.". “La motivazione addotta - sottolinea Vinceti - è vergognosa, ridicola, degna dei sistemi autoritari di marca Nazista, Fascista e Comunista. Per secoli si è combattuto per la libera espressione artistica e l'occhio censore del social network ha vestito i panni del peggior oscurantismo della storia recente. Maggiore violenza e offesa a Leonardo da Vinci non si poteva arrecare. Procederemo immediatamente ad una raccolta firme rivolta alle Istituzioni Europee ed Italiane perché venga tutelata la libertà di espressione artistica e di divulgazione delle opere di tutti gli artisti. Si stanno predisponendo altre iniziative per l'affermazione di un principio non calpestabile.."

Angelo incarnato recto da internet copia

 

 

  • Visite: 15

L'invisibile nell'Arte

c/o Comitato Nazionale
per la Valorizzazione
dei Beni Storici
Culturali e Ambientali
Viale Trastevere, 249
00153 Roma 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.